Tour n°07 – Full Day

Napoli & Capri

Info Tour

Tour n. 7: Napoli – Capri

Da: Napoli / Sorrento / Amalfi / Salerno

Durata: 8 ½ ore

Pick–up:  8:00

Drop Off: 16:30

Tour Service

Include: Veicolo Mercedes Gran Turismo, autista multilingue (su richiesta), bottiglia d’acqua 500ml per ogni ospite, Wi-Fi gratuito, tasse, parcheggi, gasolio.

Non Include: Ingressi ai siti archeologici (dove previsto), pranzo, mance, guida autorizzata (disponibile su richiesta).

Note: Tutti gli itinerari, gli orari dei pick-up e dei drop-off, possono essere modificati ed adattati per ogni esigenza.

Napoli

Visitare Napoli significa immergersi in uno scenario di straordinaria complessità e bellezza: 2.500 anni di storia rappresentati e ricostruiti da testimonianze artistiche e architettoniche di enorme valore. Ogni angolo della città custodisce opere di inestimabile valore artistico e storico. I musei espongono collezioni di opere d’arte e reperti archeologici fra i più importanti e ricchi al mondo.

Sulle origini di Napoli ci sono varie leggende, ma la più affascinante è quella che narra della sirena Parthenope, la quale affranta per aver fallito il tentativo di ammaliare Ulisse con il suo canto, si lasciò morire e proprio dove si arenò il suo corpo sarebbe sorta la città.

In realtà i primi insediamenti greci risalgono al VI secolo a.C., presso l’isoletta di Megaride (dove attualmente sorge Castel dell’Ovo), ma la città vera e propria fu fondata nel 470 a.C. e rinominata Neapolis (città nuova) per distinguerla dal precedente agglomerato urbano.

Dopo aver respinto con successo le prime invasioni dei Sanniti (423 a.C.) la città dovette arrendersi ai potenti vicini di Roma (423 a.C.). Nel corso dei secoli successivi la città subì molteplici dominazioni (che per ovvi motivi vengono solo citate): dai normanni agli svevi, passando per gli angioini, aragonesi, spagnoli, i francesi di Bonaparte e ancora gli spagnoli con i Borbone (che proclamando Napoli capitale del Regno delle Due Sicilie le fecero conoscere uno dei massimi periodi di splendore, facendola diventare la terza capitale europea) ed in fine i Savoia nel 1861 con l’unità d’Italia.

Impossibile nominare tutte le bellezze di questa città ma almeno ne ricordiamo alcune: Castel Capuano Il più antico dei castelli partenopei oggi è sede del tribunale, risale al 1140), Castel dell’Ovo (la leggenda vuole che prenda il nome dall’uovo che Virgilio nascose tra le fondamenta del castello), Castel Nuovo (iniziato nel 1279 per volere di Carlo d’Angiò e per questo conosciuto anche come Maschio Angioino),Castel Sant’ Elmo (adiacente alla Certosa di San Martino svetta dalla collina del Vomero, risale al 1537),Real Teatro San Carlo (fondato nel 1737 per volere del Re Carlo I di Borbone, è uno dei maggiori teatri lirici al mondo,dichiarato dall’UNESCO patrimonio dell’Umanità), Plazzo Reale (risalente al XVII secolo ad opera dell’architetto D.Fontanta, oggi è sede dell’omonimo museo),il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (uno dei musei più noti al mondo per l’inestimabile valore delle opere che espone),Cappella Sansevero (situata nel cuore del centro storico è famosa per ospitare nel suo museo il Cristo Velato), Chiesa del Gesù Nuovo (è una delle più importanti chiede basilicali della città.

Capri

Un tempo unita alla terraferma, di fronte la penisola sorrentina sorge questa splendida isola di origine calcarea, sicuramente uno dei luoghi di maggior fascino del Mediterraneo. Ricca di stradine e scorci di paesaggi davvero incantevoli, Capri e’ un isola che non si dimentica facilmente.

Numerosi ritrovamenti fanno credere che l’isola fosse abitata già dal periodo neolitico. Nel XVIII secolo a.C. arrivarono i primi coloni Greci (ma dando all’isola solo un ruolo secondario). Il primo estimatore di Capri fu l’Imperatore romano Augusto, che nel 29 a.C. la rese indipendente da Napoli e diede inizio al suo dominio privato. Il suo successore, l’Imperatore Tiberio, la scelse addirittura come ritiro dalla vita politica di Roma e fece costruire ben 12 ville, tra cui Villa JOVIS e Villa DEMACUTA.

Oltre la celebre “PIAZZETTA” (punto di ritrovo mondano) e bellezze naturali come I FARAGLIONI e LA GROTTA AZZURA non può mancare una visita ai Giardini di Augusto (splendida terrazza con vista mozzafiato) e una passeggiata in Via Krupp (capolavoro d’ingegneria fatto di tornanti a picco sul mare),commissionati entrambi negli anni ’30 dall’omonimo magnate tedesco dell’acciaio.